INGREDIENTI PER COSTRUIRE UNA RELAZIONE FELICE

Un argomento molto interessante quanto importante per il benessere della nostra vita.

Questa volta comincerò riportando l’intervento della psicologa Mehry Robiati che trovate qui sotto, e poi darò la mia opinione sull’argomento.

Dottoressa Mehry Robiati, quali sono gli ingredienti fondamentali per costruire una relazione felice?

love-687646_640

Quando si vuole cominciare un progetto di coppia, come prima cosa è bene conoscere se stessi, le proprie qualità ed i propri punti deboli. E’ importante conoscere bene l’altro ma indipendentemente da questo ci sono alcuni ingredienti fondamentali.

Tutti parlano di amore, unità, fedeltà. Io aggiungerei lealtà, sincerità e soprattutto un grande lavoro e sforzo.

Quando noi camminando vediamo un bellissimo giardino fiorito, con le aiuole ben curate, gli alberi ben sistemati, pensiamo, quanto lavoro c’è dietro questo risultato. Chissà quanti sacrifici hanno fatto questi giardinieri.

Stessa cosa quando vediamo un campo agricolo con dei bellissimi vigneti ed alberi ricchi di frutta.

French_Formal_Garden_in_Loire_Valleybox-hedge-topiary-869073_640

Ma stranamente quando vediamo una coppia felice od una famiglia unita con figli ben educati, la prima cosa che pensiamo è a quanto siano fortunati.

Nella vita dietro ad ogni risultato, c’è tanto lavoro, sforzo e sacrificio.

Ecco io penso che questo sia l’ingrediente fondamentale per costruire una relazione.

Come da titolo e del resto l’intervista lo conferma, non esiste una formula magica o matematica che possa assicurare la buona riuscita di una relazione. Non esistono assicurazioni matrimoniali ma tutta una serie di ingredienti che sono importanti.

Tuttavia non facciamoci illusioni. Ho visto personalmente alcune coppie che avevano tutti i numeri in regola, tutti gli “ingredienti”noti ma non sono durati molto comunque, al contrario altre coppie più mancanti proseguire felicemente nel percorso.

E qui io mi collego per aggiungere un ingrediente: la volontà.

Perché i matrimoni dei nostri nonni, bisnonni e genitori (i fortunati fra noi) duravano di più?

Loro piuttosto si mozzavano una mano, volevano a tutti i costi arrivare fino in fondo.

Tuttavia siamo già usciti un po’ dall’argomento perché qui si parla non per forza di matrimonio e non del far durare una relazione a tutti i costi.

Personalmente credo che non abbia senso proseguire troppo a lungo in un percorso lungo, eterno ma infelice e triste.

Qui infatti si parla di come costruire una relazione felice, che non va frainteso con una relazione duratura ma di facciata e neanche con una relazione perfetta. Infatti momenti di tensione e tristezza sono parte inevitabile di un percorso, ma nel complesso mi riferisco a  qualcosa di stabile e sereno.

Ancora più importante della volontà, il desiderio, lo sforzo, vi è un ingrediente da non dimenticare mai: sei tu!

Se infatti sei una persona felice, allegra, simpatica e radiosa, è molto probabile che porterai queste caratteristiche all’interno della coppia, arricchendola di gioia.

Se anche il/la tuo/a partner è allegro, stabile, sereno, è quasi inevitabile che si respirerà un clima molto piacevole e che le giornate trascorreranno piacevoli anche quando ci sono alcune difficoltà.

8550835541_da693941d6

Purtroppo, se invece sei un po’ lunatico, aggressivo, facilmente irritabile, permaloso, aumentano le probabilità che la torta sia un po’ più amarognola e che tensioni, litigi prendano il sopravvento.

Insomma Chi sei? Chi è il tuo Partner?

Pensaci bene e inizia a lavorare su te stesso prima di trovare la fidanzata/o.

Come stai ora determinerà come starete insieme. La maggior parte delle persone commette l’errore di pensare che sarà il matrimonio od il fidanzamento, come per magia,  a risolvere tutto.

Impara ad essere felice, sereno, stabile da solo e con gli amici.

Quando arriverà il momento di iniziare una relazione di coppia sarai già a buon punto!

Un’altra combo di ingredienti fondamentali che reputo fondamentale è:

“Flessibilità-soglia di tolleranza-capacità di adattamento.”

Chi ha vissuto all’interno di un matrimonio o di una lunga relazione sa bene quanto sia fondamentale. Da parte mia, questa è una delle prime caratteristiche che osservo in una persona per stabilire se voglio andare avanti o meno.

Per quanto possiamo essere innamorati, il percorso che ci attende è ricco di “magagne”, imprevisti e “casini”. Le persone rigide e con una bassa soglia di tolleranza ti faranno diventare matto rifiutandosi di accettare le cose come stanno, ingigantendo i problemi anche più piccoli, specialmente quando la passione comincerà ad affievolirsi ( succede sempre per tutti).

Adoro invece chi con tranquillità sorride ai tuoi difetti e ti corregge ricordandosi di non essere perfetto/a.

L’esperienza e la maturità.

Molti, specialmente all’interno di gruppi e comunità religiose pensano che bastino i buoni consigli della mamma, alcuni libri sull’argomento, buoni principi, trovare una/o brava/o ragazza/o, ed è fatta.

Personalmente penso che questo sia molto pericoloso. L’ho visto direttamente coi miei occhi su esperienze di amici e conoscenti che si sono buttati in relazioni, matrimoni senza avere la minima idea pratica di cosa volesse dire, poi, si sono ritrovati smarriti in mezzo all’oceano.

Chi non ha idea di cosa voglia dire vivere all’interno di una relazione, difficilmente sa davvero cosa vuole e come si affrontano certe situazioni. Per quello ci vuole tempo. Ci vuole tempo anche solo per imparare il “come si fa a conoscere un partner”? Buttarsi a capofitto in una relazione seria come il matrimonio è troppo rischioso.

Sono in moltissimi ancora a farlo, non solo in paesi Orientali e del sud del mondo ma anche qui in Occidente e Nord Europa.

Insomma l’esperienza, intesa anche come maturità, età, capacità di affrontare nella pratica le situazioni è fondamentale ma è illusorio pensare che visto che uno ha 10-20 anni di esperienze in relazioni, matrimoni e divorzi possa essere il guru e consigliere di nessuno. L’esperienza non fa in automatico la maturità e c’è chi non cresce mai.

Altro ingrediente a cui pochi pensano.

Spegnere per un attimo il fuoco della passione, delle emozioni, sentimenti e quasi freddamente :

usare il cervello.

La vita è tutta una questione di scelte.

Ad un certo punto potresti trovarti in una situazione infernale senza neanche ricordare come ci sei finito.

Non farti guidare solo dai sentimenti del momento.

Fai un ragionamento a mente fresca lontano dalla tua/o fidanzata/o e pensa bene a ciò che stai per fare. Se insorgono troppi dubbi e l’intelletto ti porta a pensare “ sto facendo non la migliore delle scelte”, allora lascia stare e cambia strada, anche se tutto il resto ti spinge nell’altro verso.

road01

“va dove ti porta il cuore” non è una boiata assoluta, ma è una mezza verità, anche quello è importante. Io dico, prima la testa, poi il cuore, anche se entrambi funzionano comunque sempre assieme.

Insomma la felicità ha il suo prezzo. Costa. E’ cara. Non è gratuita come molti ci hanno fatto credere. Bisogna fare, durante la vita, tanti sacrifici, rinunzie. Sembra un controsenso perché i più superficiali sono convinti del contrario, godersi tutto subito. Tanto lavoro come dice la nostra psicologa.

ant-44588_640

Per esempio, immagina che nell’arco di un breve periodo conosci 2 ragazze di cui ti innamori, da entrambe hai “carta bianca”, la prima ha il corpo e viso di Eva Mendez, ma con caratteristiche psico-socio-emotive buone ma non eccellenti rispetto a quello che tu desideri, e la seconda, Lara, è assolutamente attraente ma come una ragazza normale  ma interiormente senti che è l’ideale per te.

In questo caso ti trovi davanti ad una scelta. Magari entrambe possono funzionare come fallire.

Sembra facile per molti, ma tieni conto che Eva ti fa emozionare e bollire il sangue mentre la nostra “Lara” ci fa stare bene ma in maniera più tranquilla e pacifica.

Eva-Mendes-wovow.org-01hilary-duff-2011-fresh-look

In entrambi i casi bisogna rinunziare a qualcosa e 10-20 anni dopo si vedranno i risultati di questa scelta che dipenderà anche da una seconda scelta altrettanto importante : come abbiamo deciso di comportarci e di agire in questi 10-20 anni? Cosa abbiamo fatto per preservare e nutrire la relazione?

Immaginiamoci due o più dimensioni parallele che rappresentano i possibili futuri, le possibili scelte: Probabilmente il vostro io più felice ha scelto Lara preservando e nutrendo la relazione con impegno sacrificio, cosa forse più importante della scelta della ragazza.

Alexander Casu Lorne

one_happy_family_by_loor101-d5dvg9g cell7n-1-web

Annunci

Informazioni su krisis21

Sono un Videomaker, regista, Blogger. Ho aperto Krisis21.com per dare un contributo alla società: aprire e risvegliare le coscienze. Economia, società, psicologia, spiritualità, scienza, arte, cultura visti da una nuova prospettiva per affrontare la crisi umana individuale e collettiva che stiamo affrontando in questo difficile ventunesimo secolo.
Questa voce è stata pubblicata in PSICOLOGIA, SALUTE E BENESSERE e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...