PERCHÉ CELLULARI E SOCIAL NETWORK POSSONO UCCIDERE I RAPPORTI UMANI

Qual’è la prima cosa che ti viene in mente quando pensi alla “comunicazione fra due o più persone”?

Di solito tutti pensano ad una conversazione, uno scambio di opinioni, il raccontarsi delle storie o semplicemente la propria giornata. Dopodiché viene alla mente il contatto visivo, attraverso il quale possiamo osservare le espressioni facciali, la postura, gli indumenti della persona a nostro fianco e tutti quelli che sono gli aspetti del linguaggio corporeo. Quando gli sguardi si toccano entriamo poi in un’universo molto più profondo. Gli occhi più di ogni altra cosa forse sono il libro dell’anima, ma in pochi lo sanno leggere, interpretare e tradurre. Il tono e volume della nostra voce inoltre è così importante da poter cambiare completamente il significato di una frase e può essere usato per addolcire la nostra presenza od intimorire il prossimo. Pensiamo anche al contatto fisico, come ad esempio una stretta di mano che se data nel modo giusto, diventa sinonimo di amicizia e rispetto, e se data solo con la punta delle dita in maniera frettolosa, viene interpretata come gesto di disprezzo e rifiuto.

Un elemento che in molti si dimenticano è l’azione. Se per esempio compriamo un costosissimo giocattolo per il nostro cane e pochi giorni dopo, arrivato il giorno del compleanno della nostra amata fidanzata, gli regaliamo una collanina finta di plastica dal valore di pochi centesimi di Euro, è evidente che le stiamo comunicando che amiamo di più prenderci cura del nostro cane.

La verità è che I protagonisti della comunicazione, non sono le parole ma I sentimenti, le emozioni.

Emotions_-_3 Emotions

Il problema è che, secondo la Dottoressa in Psicologia Monique Charbonnier, questi “protagonisti” si perdono quasi completamente nel mondo degli SMS, CHAT, Social Network, ed altri mezzi di comunicazione virtuale. Addirittura questa tecnologia, ha il potere di annientare rapporti e relazioni gettando adolescenti e adulti nell’abisso della solitudine, tristezza e depressione; specialmente quando si abusa di questi strumenti rimpiazzando ogni tipo di “contatto reale” con quello “irreale”.

emotions

La comunicazione elettronica conduce molti su un territorio ostile, dove si perde anche contatto con se stessi. Non sappiamo più chi siamo perché per troppo tempo abbiamo costruito un’immagine di noi stessi da “vendere” e pubblicare sul social più alla moda, dimenticando che “ehi ma forse quello non sono io”.

facebook2

Ormai non conto più le volte in cui ho visto delle foto su facebook di bellissime ragazze mezze nude che sembravano così spavalde e senza paura, quasi delle piccole popstar su internet con 250 “MI PIACE” per ogni foto in cui mostravano I propri “attributi”. Una volte incontrate in palestra, per strada o nel locale scelto, mi trovavo davanti delle timide bambine impaurite, mezze analfabete che non sapevano come esprimere e trasmettere le proprie emozioni. E come se non bastasse, non erano belle come in foto.

shutterstock_168960260 iStock_000035680754Medium_web

Molto lentamente, stiamo dimenticando come si fa a comunicare.

Siamo in piena crisi sociale. Eserciti di adolescenti e giovani passano giornate intere attaccati allo Smartphone, Tablet, Iphone,Ipad, PC, Mac a chattare, postare, condividere foto e caricare video ma quando si ritrovano in pizzeria, da McDonald’s o per le vie del centro storico, non sanno cosa dire e finiscono per riattaccarsi al loro strumento di massima alienazione: il cellulare.

jj-woman-gadget-obsession-300-300wshutterstock-216500092-390x285

Purtroppo si dimenticano quasi di essere in presenza del loro compagno di scuola o amico d’infanzia oppure cominciano una conversazione che ruoterà intorno a ciò che ormai li accomuna maggiormente: il loro profilo su Facebook e le ultime news in arrivo.

Come conferma la nostra Psicologa, I danni possono essere molto gravi sopprattutto per le persone che finiscono isolate entrando in questo processo di regressione relazionale.

In poche parole si “disimpara” a comunicare e perde la capacità di stare con gli altri perchè è stata eliminata l’anima della relazione umana, le emozioni e sentimenti che non sono sostituibili dagli “Emoticons” o “Adesivi”.

emotions-36365_640 2137

shutterstock_1920552951

Caucasian woman using cell phone in bed

Il cuore pulsante della comunicazione è fatto di elementi come l’amore, la comprensione, la pazienza di ascoltare anche quando non ne abbiamo voglia. Anche i lunghi silenzi sono importanti. Fanno parte del processo di apprendimento e possono portare tranquillità, diventando anche simbolo di amicizia consolidata dove “non c’è bisogno che diciamo nulla” perché l’importante è che “tu sia qui e ti accetto come sei, non devi dimostrare niente, non ti giudico”.

Possiamo accogliere questa tecnologia usandola in maniera giusta ed equilibrata ma è necessario anche fare “un passo indietro” come dice la psicoterapeuta M. Charbonnier e fare un bel ripasso dell’ABC della lingua del cuore.

Non perdetevi la sua intervista in cima all’articolo.

Alexander Casu Lorne

Annunci

Informazioni su krisis21

Sono un Videomaker, regista, Blogger. Ho aperto Krisis21.com per dare un contributo alla società: aprire e risvegliare le coscienze. Economia, società, psicologia, spiritualità, scienza, arte, cultura visti da una nuova prospettiva per affrontare la crisi umana individuale e collettiva che stiamo affrontando in questo difficile ventunesimo secolo.
Questa voce è stata pubblicata in ATTUALITA', MUST READ, PSICOLOGIA, SALUTE E BENESSERE, SCIENZA-TECNOLOGIA, SOCIETA' e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...