USCIRE DALL’EURO? Meglio Azzerare DEBITO e Riformare il Sistema

Uscire o non uscire dall’euro? Grexit, che sembra quasi una parolaccia con la pronuncia italiana, default, austerity, fallimento imminente, corsa agli sportelli ellenici bancomat per ritirare i soldi. Da molto tempo, questi sono gli argomenti allarmanti che leggiamo su titoli di giornale. Qualche giorno fa, mi ha molto colpito un’articolo in cui si criticava la Grecia (Tsipras) per un disperato tentativo di aiuto a Putin (Russia) per non fallire. Infine, dopo mesi di terrorismo mediatico, nelle ultime ore, sembra che siano stati quasi raggiunti gli accordi sperati. La Bce, per l’ennesima volta, estende i fondi di emergenza. Addirittura volano le borse! + 6%. Wow. Miracolo.

19fl3fc74on2bpng

Cosa vuol dire? Abbiamo per caso risolto qualcosa? no. Assolutamente no.

Se tutto viene confermato, domani, la Grecia sarà ancora più indebitata, come lo è l’Italia. Significa anche, come già annunciato, nuovi tagli nei già amputati servizi statali Greci. Qualche anno fa un mio caro amico, professore alle scuole superiori, mi raccontava di un suo alunno da poco emigrato dalla penisola balcanica. Questo ragazzo andava a scuola solo 1 settimana al mese. Non c’erano soldi sufficienti per pagare gli insegnanti per le altre settimane rimanenti. Forse adesso faranno 1 giorno al mese? Come può l’unione europea tollerare che in un paese dell’unione si soffra la fame e venga distrutta la base fondamentale della civiltà, ovvero l’educazione?

o.251272

La domanda, forse non è uscire o non uscire dall’euro.

Ovviamente gli interrogativi e perplessità non mancano. Per esempio. A chi conviene davvero l’euro e il clima di austerità? Di certo non ai cittadini europei.

Il problema, come dice l’economista Giuseppe Robiati, sono le politiche e la gestione che stanno dietro all’euro.

Interessante l’idea di azzerare il debito della Grecia. Iniziare dal principio. Con nuove regole e riforme, etiche, per il bene comune ( cittadini).

Tuttavia, è chiaro a tutti che una potente classe “d’élite”, vuole mantenere ed estendere il proprio dominio sul pianeta utilizzando soprattutto il sistema bancario-finanziario che lascia gran parte dei paesi del mondo perennemente indebitati e sottomessi. Credo che questo sia uno degli ostacoli maggiori. Questa “dominanza di classe” e questa “mentalità dell’attaccamento al potere” crea l’attuale condizione che fa soffrire milioni di persone, che devono patire un male tremendo: la disperazione.

ImageGen.ashx

I media dedicano poche fredde righe a riguardo. Bene, allora verrà fatto qui su krisis21.com. La crisi non può durare per sempre. Ho intervistato un’esperto in economia che mi ispirato molto, non solo nell’analisi delle problematiche che affliggono l’eurozona, ma anche per le possibili soluzioni.

Riporto qui una parte dell’intervento dell’economista

ed imprenditore Giuseppe Robiati:

La possibile uscita dall’euro di alcuni paesi dell’europa…personalmente sono contrario. E’ come se un bimbo nasce e vuole ritornare nel ventre della madre.

Non è l’euro il problema, ma le politiche che lo hanno generato. Sarebbe molto più facile azzerare il debito della Grecia, ricominciare, ma non con le regole di prima.

Tecnicamente, qualsiasi paese può uscire dall’euro e rimettersi a stampare la propria moneta. Nel caso della Grecia, si ricomincia a stampare la dracma, la Spagna le pesetas e all’Italia toccherà tornare alla lira. Il problema è la valutazione della nuova moneta nei confronti dell’euro…..Se noi oggi uscissimo dall’euro ed entrassimo nella lira, potremmo ritrovarci a dover tirare fuori 10mila lire per ogni euro. Questa enorme svalutazione comporterebbe enormi difficoltà nelle esportazioni dei propri prodotti verso l’estero ed il costo enorme dell’operazione dell’acquisto di materie prime che non possediamo come il petrolio e altre materie prime che la nostra industria necessita. Sarebbe invece favorito il turismo, con un dollaro, un turista si potrebbe passare una notte in albergo. Ma il grosso dello sviluppo passa attraverso l’industria. Sarebbe un danno enorme. Conviene invece avere coraggio e forza da parte delle politiche nazionali per imporre all’europa di cambiare certi elementi. Per esempio….” L’intervento continua nella video intervista all’inizio dell’articolo.

Alexander Casu Lorne

Annunci

Informazioni su krisis21

Sono un Videomaker, regista, Blogger. Ho aperto Krisis21.com per dare un contributo alla società: aprire e risvegliare le coscienze. Economia, società, psicologia, spiritualità, scienza, arte, cultura visti da una nuova prospettiva per affrontare la crisi umana individuale e collettiva che stiamo affrontando in questo difficile ventunesimo secolo.
Questa voce è stata pubblicata in ATTUALITA', ECONOMIA, SOCIETA' e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a USCIRE DALL’EURO? Meglio Azzerare DEBITO e Riformare il Sistema

  1. Shahruz ha detto:

    Lo stesso Robiati in altre conferenze disse che le civiltà che non superano le crisi azzerano il loro grado di evoluzione facendo la fine dei dinosauri…facendo un paragone con gli elementi a disposizione potremmo dire che l’Euro è un bambino nato prematuro e in punto di morte. La speculazione economica è palese, così come è evidente il ciclo economico di crescita e contrazione che ha sempre fatto parte dell’economia mondiale.

    Probabilmente morirà e tirerà con sè molti paesi che ripartiranno da zero per nuove strade, forse un giorno ci sarà una nuova moneta unica ma in conseguenza ad una unità di popoli e non forzata, così come per ora è stata forzata anche l’unità d’Italia.

    Ciò che è giusto concettualmente può diventare sbagliato se fatto fuori tempo, tutto è relativo.

    Liked by 1 persona

  2. Pingback: Le profonde radici della crisi italiana | Blog Beppe Robiati

  3. Pingback: Uscire dall’Euro? | Blog Beppe Robiati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...